Percorso pagina:


28 giugno 2016

Il Consiglio Comunale

Il Sindaco: COLA VITTORIO

  • Assetto del territorio – Bilancio – Personale – Urbanistica – Tenuta Lago

Il Vice Sindaco: LATINI PIETRO

  • Affari Generali – Lavori Pubblici – Politiche Sportive

Assessore: SOLFANELLI ALBERTO

  • Protezione Civile – Autoparco – Logistica – Viabilità

Consigliera: FELICI ALESSIA

  • Ufficio URP/PIT – Servizi Sociali – Sanità – Raccolta differenziata

Consigliere: CAPPARELLA MASSIMO

  • Attività Produttive e Commercio

Consigliere: COLA MATTIA

  • Politiche giovanili – Arredo e decoro urbano

Consigliere: MARCOTULLI MIRKO

  • Turismo – Politiche di promozione ricreativa

MARIA SIMONA CURILA’:

  • Politiche di integrazione

Consiglieri di minoranza:

  • CLAUDIO GIUSTINI
  • FLAMINIA SONNINO SILVANI
  • MASSIMO FELICI

Capogruppo di maggioranza: MATTIA COLA

Capogruppo di minoranza: CLAUDIO GIUSTINI

Delegati X Comunità Montana dell’Aniene: VITTORIO COLA – PIETRO LATINI – FLAMINIA SONNINO SILVANI

Delegati Unione dei Comuni della Valle Ustica: VITTORIO COLA – CLAUDIO GIUSTINI – ALESSIA FELICI

Commissione Elettorale: ALBERTO SOLFANELLI – MATTIA COLI – MASSIMO FELICI

Giudici Popolari: VITTORIO COLA – MASSIMO CAPPARELLA – MASSIMO FELICI


26 gennaio 2016

Volontariato civile – ART

Vi mostriamo il documentario prodotto nel 2015 dal Tavolo delle Associazioni di Volontariato e dai pazienti della Regione Lazio con il contributo dell’Agenzia Regionale per i trapianti e le patologie connesse, esso raccoglie le testimonianze di chi ha scelto di donare gli organi o è stato sottoposto a trapianto.Anche il nostro Comune è sensibile a questo strumento di sensibilizzazione per la diffusione della “cultura della donazione degli organi”, perciò vi chiediamo di essere protagonisti con l’attivazione dell’ex progetto ora diventato Legge “Una scelta comune”, che dà la possibilità ai cittadini maggiorenni di esprimere il proprio consenso alla donazione degli organi nel momento in cui si richiede/rinnova la propria carta d’identità!

24 giugno 2015

Regolamento di contabilità

REGOLAMENTO DI CONTABILITA’

(approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 15 del 19-9-2011)


10 giugno 2015

Residenza in tempo reale

Residenza in tempo reale: istruzioni e modulistica

Cambiano radicalmente dal 9 maggio 2012 le modalità del cambio di residenza con provenienza da altro Comune o dall’estero e cambio di abitazione all’interno dello stesso Comune. A seguito dell’entrata in vigore del D.L. 9 febbraio 2012 n. 5, le dichiarazioni devono essere obbligatoriamente rese utilizzando la nuova modulistica allegata e vanno presentate:

1) presso lo sportello dedicato di Anagrafe del Comune;

2) o inviate per PEC (Posta Elettronica Certificata);

3) oppure inviate per posta raccomandata con allegata fotocopia del documento d’identità valido;

4) oppure inviate per posta elettronica semplice purché la dichiarazione e il documento di identificazione siano sottoscritti con firma digitale;

5) oppure inviate per posta elettronica semplice purché la dichiarazione con firma autografa e la copia del documento siano acquisite mediante scanner;

6) oppure per fax con allegata fotocopia del documento d’identità valido.

A seguito dell’iscrizione anagrafica che verrà effettuata entro due giorni lavorativi dalla dichiarazione, l’Ufficio Anagrafe accerterà il possesso dei requisiti di legge e, trascorsi 45 giorni dalla dichiarazione resa o dal ricevimento della dichiarazione inviata con le modalità sopra descritte senza che sia stata effettuata la comunicazione dei requisiti mancanti, l’iscrizione si intende confermata.

In caso di dichiarazioni non corrispondenti al vero, si applicano gli artt. 75 e 76 del DPR 445/2000, i quali dispongono rispettivamente la decadenza dei benefici acquisiti per effetto della dichiarazione, nonché il rilievo penale della dichiarazione mendace. Il comma 4 ribadisce inoltre la segnalazione all’autorità di Pubblica Sicurezza delle discordanze tra le dichiarazioni rese dagli interessati e gli esiti degli accertamenti esperiti. Il comma 5 prevede che, in caso di esito negativo degli accertamenti, ovvero di verificata assenza dei requisiti, venga ripristinata la posizione anagrafica precedente.

Gli accertamenti relativi alla dimora abituale e la verifica dei documenti attestanti la regolarità del soggiorno dei cittadini di Stati appartenenti all’Unione Europea provenienti dall’estero saranno pertanto effettuati in seguito alla dichiarazione resa o inviata.

La verifica della regolarità del soggiorno dei cittadini di Stati NON appartenenti all’Unione Europea precede invece l’iscrizione anagrafica.

Allegati:

Modello di dichiarazione di residenza con provenienza da altro Comune o cambio di abitazione all’interno del Comune (formato.doc) dichiarazione_di_residenza_ all1

Modello di dichiarazione di residenza con provenienza da altro Comune o cambio di abitazione all’interno del Comune (formato.pdf) dichiarazione_residenza_all1

Modello di dichiarazione di trasferimento di residenza all’estero (formato.doc) dichiarazione_trasferimento_residenza_estero_all2

Modello di dichiarazione di trasferimento di residenza all’estero (formato.pdf) dichiarazione_trasferimento_residenza_estero_all2

N.B.: I campi contrassegnati da un asterisco devono essere OBBLIGATORIAMENTE compilati, altrimenti la dichiarazione è irricevibile, devono inoltre essere compilati i dati relativi a patenti e targhe veicoli per l’inoltro alla Motorizzazione.

Istruzioni per cittadini di Stati appartenenti all’Unione Europea 10325_istruzioni-cittadini-ue

Istruzioni per cittadini di Stati NON appartenenti all’Unione Europea 8650_istruzioni-cittadini-non-ue

Indirizzi del Comune a cui inviare le dichiarazioni di cambio di residenza:

Posta Elettronica Certificata:   postacert@pec.comunedipercile.it

Posta elettronica (non certificata): segreteria@comune.percile.rm.gov.it

fax: +39 077446057

Indirizzo postale: Comune di Percile – Via Attorno Palazzo Borghese 8 – 00020 Percile (Rm)


9 giugno 2015

La X Comunità Montana

Interamente situati nel territorio del Comune di Percile alle falde del Colle Faieta, in una zona calcarea molto dislocata soprattutto per faglie, si trovano due laghetti, localmente detti «lagustelli di Percile», i quali presentano caratteri geologicamente e morfologicamente interessanti e che non risulta siano mai stati descritti, se non sommariamente. La regione è costituita nella maggior parte da calcare miocenico, nel quale il fenomeno carsico è rappresentato, oltre che da queste tipiche depressioni inbutiformi, colme in buona parte di acqua, anche da altre manifestazioni, come grotte, e campi carreggiati.

Nella zona posta tra l’abitato di Percile e i laghetti esiste una formazione geologica costituita principalmente da sovrapposizione di strati di calcari marmosi e scistosi al ternati fra di loro e di banchi di brecciole e calcari a foraminiferi di minore spessore. Questo complesso ha prevalente direzione NO-SE e pendenza NE. Gli strati sono tagliati da venette calcitiche dirette normalmente e cioè NE-SO.

La regione è ricca di veri e propri anfiteatri carsici, dei quali è difficile precisare la genesi e lo stadio evolutivo attuale, e che sono da considerarsi come un caso di carsismo ereditato e completato da franamenti e conseguenti sbarramenti e colmamenti.

I laghi sono situati a poca distanza l’uno dall’altro, in due conche allineate NS, lungo un avvallamento digradante verso N. II più piccolo dei laghetti, citato da alcuni autori come «Marraone», è a un livello inferiore (circa 20 m) rispetto al maggiore, indicato come «Marrone» o «Fraturno» la sua massa d’acqua è ormai ridotta a un piccolo volume. Il livello medio (pelo d’acqua) sta a 700 m.s.m. I pastori della regione asseriscono che durante i mesi estivi degli ultimi anni, particolarmente aridi per le scarse precipitazioni, l’acqua disparve del tutto. L’alveo del laghetto minore, profondo circa 40 m, e con un diametro di circa 80 m, ormai quasi dei tutto privo di acqua, rive a tre distinti scanni a diverse quote, testimoni di altrettante lunghe soste di differenti livelli in epoche passate . L’immissario è costituito da una piccola sorgente subaerea (I 1,50 al minuto primo) posta a mezza costa sul lato SE; non c’è emissario subaereo e si presume che non ne esista neanche uno sub-acqueo; infatti la esiguità del bacino imbrifero, la minima portata della sorgente e la forte evaporazione, unitamente alla presenza di un eventuale emissario, non consentirebbero l’esistenza del lago.

Il maggiore dei due laghetti ha una forma quasi circolare, con il diametro N-S di circa 96 m e quello E-O di circa 118 m (misurati a pelo d’acqua nel maggio 1952) e una profondità massima di 16 m. Al di sotto di un piccolo scanno le sponde del lago scendono abbastanza ripide e in pochi metri raggiungono la massima profondità, che risulta quasi costante su di una vasta area: l’alveo ha quindi pareti molto inclinate e un fondo piuttosto appiattito. L’immissario non è visibile: probabilmente ne esiste uno subacqueo verso il lato E a ridosso del colle Morella, in corrispondenza di una rigogliosa vegetazione arbustiva e di un manto erboso permanente anche nei mesi estivi, su di un ben identificabile e limitato tratto di costa. Verso S, a poche centinaia di metri dal lago, su un versante della valle detta «Fosso Roscietta», si nota una modesta fuoriuscita di acqua dal terreno, e da essa prende origine un piccolo corso d’acqua perenne. Presumibilmente si tratta dell’emissario del lagustello maggiore, la cui conca lacustre anche da questo lato (S) presenta una soglia dove, in caso di eccezionali alti livelli, le acque possono stramazzare.

I pastori del luogo assicurano che attraverso questa soglia, quasi in coincidenza con l’emissario suddetto, passa un cunicolo, ora non più visibile, fatto costruire a suo tempo da un proprietario del lago per irrigare la valle sottostante. Non si può dire con certezza che la fuoruscita d’acqua sopra ricordata stia ad indicare una comunicazione fra i due laghetti, perché il diaframma che divide i due bacini è costituito da materiale impermeabile o quasi, e perché la temperatura di quest’acqua è molto bassa anche nei mesi caldi, mentre le acque del lago risentono notevolmente delle variazioni della temperatura esterna.

La superficie del lago più grande è di circa 9.000 mq e il volume di circa 74.000 me. Le acque, di un verde intenso, sono poco trasparenti. Il livello presenta non rilevanti oscillazioni stagionali: infatti tra il mese di marzo e quello di luglio 1952 la differenza di livello è stata di circa 60 cm soltanto. Sulle rive del laghetto maggiore, tra le piante più frequenti riferibili ad una fascia di vegetazione palustre, abbiamo notato i seguenti generi: Salix, Scirpus, Eleocharis, Plantago, Phragmites; fra le piante acquatiche più comuni, Potamogeton natans, P. cri-spa, P. perfoliata, Ranuncuìus tricophyllus, Myriophyllum, Chara.

Le rive del laghetto minore offrono un maggiore interesse perché, per la concomitanza di particolari condizioni di ambiente, di estensione, di esposizione e di isolamento, la vegetazione si conserva molto meglio che non sulle rive dell’altro lago e acquista inoltre dei caratteri peculiari. La disposizione delle piante è ad anelli concentrici (ciascuno dei quali ha una fisionomia propria) che testimoniano i diversi livelli delle acque. Sono state notate: Potamogeton, Chara, Ranunculus trichophyìlus, Alisma plantago, Crypsis, Nasturtium amphibium, Potentilla reptans, Equisetum arvense, Convolvulus arvensis, Solarium dulcamara, Rubus, Salix, Populus.

Per quanto riguarda la fauna, oltre a batraci e biscie d’acqua, si segnalano carpe, anguille e tinche, mentre non si sono viste sanguisughe, che pare fossero molto frequenti in passato in quelle acque. I due laghetti, posti in località isolata e di non facile accesso, potrebbero costituire un utile campo per studi e ricerche di biologia. Per quanto riguarda la loro origine, è probabile si tratti di cavità di natura carsica (doline), ma di un «carsismo coperto» ed antico, in quanto essi si trovano in una formazione calcareo-marmosa a carsismo limitato; probabilmente le cavità, come accennato, sono legate a crolli in profondità, per carsismo interno, di masse calcaree; tuttavia è da aggiungere che possono essere anche in relazione con la tettonica recente per faglie, che ha tracciato i principali lineamenti morfologici della regione.


4 maggio 2015

Siti Naturalistici

Il parco naturale regionale dei Monti Lucretili, per maggiori info vai alla pagina della Comunità Montana dell’Aniene!


4 maggio 2015

Antiche abitudini

Un breve elenco degli appuntamenti che si tengono annualmente a Percile.

MAGGIO

Programma degli eventi e delle iniziative previste nel mese di maggio

Festa della Mamma distribuzione in piazza dell’azalea della ricerca in favore dell’AIRC.

Inaugurazione del Parco Pubblico degli “Antichi Orti ” e visita ai lavori in fase di ultimazione, del nuovo albergo “L’Airone Cenerino”.

A spasso sotto te Stelle ” , a cura dell’Ente Parco Regionale dei Monti Lucretili, passeggiata nella stupenda cornice della tenuta Lago, accompagnati dai docenti del corso di laurea in scienze geografiche dell’ università la Sapienza di Roma .

Sagra degli “Sparaci”, tradizionale appuntamento eno-gastronornico, a cura dell’Associazione Pro Loco di Percile, con il gustoso piatto di pasta condito con i deliziosi asparagi percilesi, a seguire salsicce, pane e vino a volontà. La manifestazione oltre a prevedere l’intrattenimento musicale sarà arricchita da altre iniziative.

La scuola è finita”, appuntamento di fine anno scolastico con gli alunni, insegnanti e genitori. Giornata in spensieratezza all’interno dell’incantevole “Parco della Chiusa“.


28 aprile 2015

Percile e la fattura elettronica

Di seguito i dati per la fatturazione elettronica:

Denominazione Ente:   Comune di Percile

Codice Univoco ufficio: UFENB2

Nome dell’ufficio: Uff_eFatturaPA

Cod. fisc. del servizio di F.E.: 86001830586

Ultima data validaz. del c.f.: 22/11/2012

Data di avvio del servizio: 31/03/2015

Regione dell’ufficio: Lazio

Provincia dell’ufficio: RM

Comune dell’ufficio: Percile

Indirizzo dell’ufficio: Via Attorno Palazzo Borghese N. 8

Cap dell’ufficio: 00020

I dati sono disponibili anche nell’Indice delle Pubbliche Amministrazioni al seguente link: Comune di Percile

 


28 aprile 2015

Gemellaggio

Alrance è un comune francese di 411 abitanti situato nel dipartimento dell’Aveyron nella regione del Midi-Pirenei.

Area: 35,43 km²

55

Meteo: 19 °C, vento NO a 21 km/h, umidità 56%

Link al sito ufficiale di Alrance (Fr): http://www.alrance.fr/

Il Comune di Percile da Ottobre 2010 è gemellato con il comune Francese di Alrance (www.alrance.fr), 400 abitanti, nella prefettura dell’Ayveron nella regione del Mid-pirenei. Nel periodo 24/10/201 al 30/10/201 ha ospitato una delegazione di 35 cittadini della valle d’Alrance per rendere il gemellaggio attivo e per avviare un percorso di reciproci scambi culturali per ampliare le opportunità di conoscenza dell’europa della comunità di Percile.

alrance1

Nel luglio 2011 una delegazione di Percile ha fatto visita al comune francese di Alrance.

alrance2


28 aprile 2015

A volte il tempo cambia velocemente!

1


27 febbraio 2015 – 1 commento

Ciao!

Benvenuto a Percile!

Stiamo lavorando per Te, questo il nuovo portale istituzionale del Comune. Cercheremo di arricchirlo quanto prima di contenuti e servizi, se hai qualche suggerimento non esitare a comunicarcelo: segreteria@comune.percile.rm.gov.it

Percile vista dall'alto

Percile – Valle dell’Aniene e Terra d’Orazio




Sito ufficiale del Comune di Percile (RM) - Via Attorno Palazzo Borghese, 8 - 00020 | Tel centralino 0774-46057 | C.Fisc. Partita IVA 86001830586 PEC: postacert@pec.comunedipercile.it


Sito realizzato con "Amministrazione Accessibile", il tema Wordpress per la Pubblica Amministrazione e gli Enti non profit.